Akamai Diversity
Home > Web Performance

Recently in Web Performance Category

Anche i millisecondi contano!

L'analisi delle performance dei siti di aziende retail dimostra che anche un ritardo di 100 millisecondi può influire sul coinvolgimento del cliente e, di conseguenza, sul fatturato.

Le immagini sono oggi, più che in passato, una parte fondamentale dei contenuti dei siti web e, considerata la rapida trasformazione delle modalità di fruizione dei contenuti online da parte degli utenti, una loro corretta gestione è cruciale per massimizzare la web experience senza impattare sui livelli di performance e sulla qualità visiva.

Le immagini...contano

Forse non faranno parte di preziosi libri rilegati in pelle o non avranno il profumo di un pregiato mogano, ma le immagini...contano. Infatti, si potrebbe tranquillamente affermare che i proprietari di contenuti e i clienti siano diventati fanatici delle immagini negli ultimi anni.

Nel corso dei sei mesi di EXPO MILANO 2015, più di 140 paesi partecipanti hanno presentato il meglio delle proprie tecnologie per dare risposta a un problema d'importanza fondamentale: garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutta la popolazione mondiale, nel rispetto della terra e del suo equilibrio. Oltre alle nazioni espositrici, Expo ha coinvolto anche organizzazioni internazionali e ha accolto 21 milioni di visitatori nella sua area espositiva di 1,1 milioni di metri quadri. Il successo dell'evento è il risultato anche di una presenza digitale ottimizzata e sempre disponibile prima, durante e dopo Expo 2015 per i visitatori del sito di tutto il mondo.

Le performance digitali sono oggi più importanti che mai le per istituzioni finanziarie. Da un lato queste continuano a lavorare per riguadagnare la fiducia di clienti, investitori ed enti regolatori, dall'altro si devono preparare a ingaggiare e attirare una nuova generazione di clienti: i millennial. 

Nel dicembre 2015 abbiamo condotto l'indagine European Consumer Holiday Shopping Plans, intervistando consumatori in Italia, Gran Bretagna, Svezia, Spagna e Francia. L'indagine ha rivelato che due terzi degli intervistati avevano intenzione di effettuare online i propri acquisti natalizi e che la maggior parte avrebbe fatto gli acquisti durante il mese di dicembre, non prima. Poco più della metà, inoltre, dichiarava che avrebbe acquistato i regali mediante un dispositivo mobile.